UNIVERSIT DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Seminario

  • Slides: 33
Download presentation
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO “CARLO BO” Seminario tesi del 26 ottobre 2011 Raccolta

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO “CARLO BO” Seminario tesi del 26 ottobre 2011 Raccolta e analisi del materiale Docente: prof. Giovanni Di Domenico

LA RICERCA DOCUMENTARIA La ricerca documentaria è un complesso di attività, i cui principali

LA RICERCA DOCUMENTARIA La ricerca documentaria è un complesso di attività, i cui principali obiettivi sono: - accertare l’esistenza e il contenuto di documenti, registrati su qualsiasi supporto; presentati in qualsiasi formato; appartenenti a qualsiasi tipologia concettuale; - valutare la rilevanza e la pertinenza di queste risorse; - localizzarle; - procurarsele.

STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA DOCUMENTARIA (1) Repertori bibliografici Basi di dati bibliografiche

STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA DOCUMENTARIA (1) Repertori bibliografici Basi di dati bibliografiche Cataloghi di biblioteche (elettronici e cartacei) Fonti documentarie: enciclopedie, dizionari, atlanti, repertori biografici, ecc. Banche dati

STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA DOCUMENTARIA (2) Fonti editoriali e commerciali Fonti relazionali

STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA DOCUMENTARIA (2) Fonti editoriali e commerciali Fonti relazionali Corredi citazionali e criptobibliografie Citation indexes Virtual reference desk Collezioni digitali Open archives

ALCUNI CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE BIBLIOGRAFIE Dal punto di vista formale le bibliografie

ALCUNI CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE BIBLIOGRAFIE Dal punto di vista formale le bibliografie si distinguono in autonome e interne. Dal punto di vista modale si distinguono in retrospettive e correnti. Dal punto di vista del rapporto con le fonti si distinguono in primarie e secondarie. Dal punto di vista della presentazione dei titoli si distinguono in segnaletiche, ragionate e valutative.

LO SCOPO DELLA BIBLIOGRAFIA Segnalare scritti (bibliografia generale) Informare sul contenuto degli scritti (bibliografia

LO SCOPO DELLA BIBLIOGRAFIA Segnalare scritti (bibliografia generale) Informare sul contenuto degli scritti (bibliografia speciale)

LE BIBLIOGRAFIE GENERALI Bibliografie di bibliografie e guide alle opere di consultazione Bibliografie nazionali

LE BIBLIOGRAFIE GENERALI Bibliografie di bibliografie e guide alle opere di consultazione Bibliografie nazionali correnti e retrospettive Ecc.

LE BIBLIOGRAFIE DI PERIODICI Bibliografie pure Bibliografie analitiche

LE BIBLIOGRAFIE DI PERIODICI Bibliografie pure Bibliografie analitiche

LE BASI DI DATI BIBLIOGRAFICHE (1) Includono riferimenti bibliografici a: - articoli di periodici

LE BASI DI DATI BIBLIOGRAFICHE (1) Includono riferimenti bibliografici a: - articoli di periodici - atti di convegni - documenti istituzionali - brevetti - letteratura tecnica e giuridica - ecc.

LE BASI DI DATI BIBLIOGRAFICHE (2) Descrizione analitica Descrittori Parole chiave Abstract Evoluzione verso

LE BASI DI DATI BIBLIOGRAFICHE (2) Descrizione analitica Descrittori Parole chiave Abstract Evoluzione verso full-text

ATTENDIBILITÀ DEI DATI BIBLIOGRAFICI Il riferimento bibliografico come testo Le citazioni di citazioni Le

ATTENDIBILITÀ DEI DATI BIBLIOGRAFICI Il riferimento bibliografico come testo Le citazioni di citazioni Le procedure di controllo

IL CATALOGO (1) Il catalogo è un insieme logico e coerente di registrazioni, organizzate

IL CATALOGO (1) Il catalogo è un insieme logico e coerente di registrazioni, organizzate secondo schemi e procedure specifiche e basate su principii descrittivi uniformi, che si riferiscono a risorse documentarie tangibili o intangibili, conservate in una o più biblioteche, o comunque accessibili per loro tramite.

IL CATALOGO (2) Scopo fondamentale di un catalogo è quello di consentire il reperimento

IL CATALOGO (2) Scopo fondamentale di un catalogo è quello di consentire il reperimento di particolari entità documentarie, per esempio le edizioni particolari di un’opera. Un catalogo risulta efficace se possiede tutti i requisiti di funzionalità in grado di soddisfare le esigenze di: - trovare documenti che corrispondono a determinati criteri - identificarli - selezionarli - ottenerli.

IL CATALOGO (3) Il catalogo si presenta come un insieme coordinato di chiavi d’accesso,

IL CATALOGO (3) Il catalogo si presenta come un insieme coordinato di chiavi d’accesso, collegate alla descrizione di documenti che condividono almeno una caratteristica di rilievo. L’utente consulta il catalogo usando e combinando elementi di ricerca di tipo strutturale (nomi, titoli, ecc. ) e/o di tipo semantico (argomenti); individua, tra tutti gli altri, i documenti di suo interesse; infine ne accerta la collocazione o le procedure per poterseli procurare.

L’OPAC (ONLINE PUBLIC ACCESS CATALOG) L’Opac è il catalogo elettronico della biblioteca. Di solito

L’OPAC (ONLINE PUBLIC ACCESS CATALOG) L’Opac è il catalogo elettronico della biblioteca. Di solito è consultabile anche da postazione remota (via Internet o altre reti).

LE PRINCIPALI CHIAVI DI RICERCA Autori Titoli Edizioni Editori Soggetti Simboli di classificazione Ricerca

LE PRINCIPALI CHIAVI DI RICERCA Autori Titoli Edizioni Editori Soggetti Simboli di classificazione Ricerca libera Principali criteri di selezione: tipo di materiale, lingua del documento, anno di pubblicazione.

LINGUAGGI DI INTERROGAZIONE (1): GLI OPERATORI BOOLEANI AND [indica gli elementi comuni a due

LINGUAGGI DI INTERROGAZIONE (1): GLI OPERATORI BOOLEANI AND [indica gli elementi comuni a due o più insiemi: titolo = Semiotica and autore = Eco] OR [indica gli elementi comuni e non comuni a due o più insiemi: titolo = Semiotica or autore = Eco] AND NOT [indica gli elementi non comuni fra due o più insiemi: titolo = Semiotica and not autore = Eco]

LINGUAGGI DI INTERROGAZIONE (2): ALTRI COMANDI Operatori di prossimità: SAME, NEAR, ADJ Troncamento [es.

LINGUAGGI DI INTERROGAZIONE (2): ALTRI COMANDI Operatori di prossimità: SAME, NEAR, ADJ Troncamento [es. : semio*] Scorrimento (scanning) Navigazione ipertestuale (browsing)

PARAMETRI DI VALUTAZIONE DELLA RICERCA DOCUMENTARIA Richiamo = rapporto tra documenti rilevanti recuperati e

PARAMETRI DI VALUTAZIONE DELLA RICERCA DOCUMENTARIA Richiamo = rapporto tra documenti rilevanti recuperati e totale dei documenti rilevanti contenuti nell’archivio. Precisione = rapporto tra documenti rilevanti recuperati e totale dei documenti recuperati (rilevanti o non rilevanti). Silenzio = mancata individuazione di documenti rilevanti. Rumore = recupero di documenti non rilevanti.

SBN, IL SERVIZIO BIBLIOTECARIO NAZIONALE (1) <http: //opac. sbn. it/opacnew/opac/iccu/free. jsp> SBN è la

SBN, IL SERVIZIO BIBLIOTECARIO NAZIONALE (1) SBN è la rete delle biblioteche italiane promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali con la cooperazione delle regioni e delle università. Aderiscono a SBN biblioteche appartenenti a diverse istituzioni pubbliche e private operanti in diversi settori disciplinari.

SBN, IL SERVIZIO BIBLIOTECARIO NAZIONALE (2) <http: //opac. sbn. it/opacnew/opac/iccu/free. jsp> Obiettivo comune è

SBN, IL SERVIZIO BIBLIOTECARIO NAZIONALE (2) Obiettivo comune è quello di superare la frammentazione delle strutture bibliotecarie per fornire un servizio di livello nazionale, che si basa sulla gestione di un catalogo collettivo in linea e sulla condivisione delle risorse ai fini dell’accesso ai documenti.

OPAC DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO UNIFICATO DI PESARO E URBINO <http: //opac. uniurb. it/Sebina. Opac/Opac?

OPAC DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO UNIFICATO DI PESARO E URBINO .

ACNP, L’ARCHIVIO COLLETTIVO NAZIONALE DEI PERIODICI <http: //acnp. cib. unibo. it/cgi-ser/start/it/cnr/fp. html> ACNP contiene

ACNP, L’ARCHIVIO COLLETTIVO NAZIONALE DEI PERIODICI ACNP contiene le descrizioni bibliografiche delle pubblicazioni periodiche possedute da biblioteche dislocate su tutto il territorio nazionale e copre tutti i settori disciplinari. ACNP è usato per la catalogazione condivisa dei periodici, per la loro localizzazione, per i servizi di fornitura di articoli.

CATALOGO DELLE RISORSE ONLINE DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO DELL’UNIVERSITÀ DI URBINO <http: //atoz.

CATALOGO DELLE RISORSE ONLINE DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO DELL’UNIVERSITÀ DI URBINO .

IL PIANO REDAZIONALE Scheda di presentazione Indice provvisorio Bibliografia essenziale

IL PIANO REDAZIONALE Scheda di presentazione Indice provvisorio Bibliografia essenziale

LA SCHEDA DI PRESENTAZIONE Dalla “frase titolo” al titolo provvisorio Le ragioni della scelta

LA SCHEDA DI PRESENTAZIONE Dalla “frase titolo” al titolo provvisorio Le ragioni della scelta e le finalità del lavoro Concetti ed elementi fondamentali Fonti utilizzate e relazioni di contesto disciplinare L’impostazione metodologica del lavoro

L’INDICE PROVVISORIO Struttura ed estensione testuale L’articolazione interna: divisioni principali e divisioni secondarie Sezioni,

L’INDICE PROVVISORIO Struttura ed estensione testuale L’articolazione interna: divisioni principali e divisioni secondarie Sezioni, capitoli, paragrafi La numerazione I titoli interni Gli accorgimenti grafici

LA CITAZIONE BIBLIOGRAFICA (1) Uniformità di trattamento: scelta degli elementi descrittivi, sequenza, segni d’interpunzione

LA CITAZIONE BIBLIOGRAFICA (1) Uniformità di trattamento: scelta degli elementi descrittivi, sequenza, segni d’interpunzione e grafici, caratteri La gerarchia delle fonti: frontespizio, verso del frontespizio, altre fonti interne, fonti esterne Elementi bibliografici essenziali per la citazione di monografie: Autore/i, Titolo ed eventuale Sottotitolo, indicazione di edizione successiva alla prima, Luogo/Luoghi di edizione, Editore/i, data di pubblicazione

UN ESEMPIO Umberto Eco, Trattato di semiotica generale, 19. ed. Milano, Bompiani, 2008.

UN ESEMPIO Umberto Eco, Trattato di semiotica generale, 19. ed. Milano, Bompiani, 2008.

LA CITAZIONE BIBLIOGRAFICA (2) Distinguere fra le diverse forme di responsabilità intellettuale: autori, curatori,

LA CITAZIONE BIBLIOGRAFICA (2) Distinguere fra le diverse forme di responsabilità intellettuale: autori, curatori, traduttori, ecc. Due questioni controverse: AA. VV. e nomi puntati Le citazioni di articoli di periodici: Autore/i dell’articolo, Titolo dell’articolo, «Titolo» del periodico, volume o annata, anno, fascicolo, pagine Le citazioni di siti e pagine Web: indicare la data di consultazione

UN SECONDO ESEMPIO Delia Ragionieri, Quando fu fondata l’Accademia della Crusca? , «Culture del

UN SECONDO ESEMPIO Delia Ragionieri, Quando fu fondata l’Accademia della Crusca? , «Culture del testo e del documento» , 11 (2010), n. 31, pp. 33 -52.

UN TERZO ESEMPIO Rafeah Wahi, Herman Senghie, The Use of Microwave Derived Activated Carbon

UN TERZO ESEMPIO Rafeah Wahi, Herman Senghie, The Use of Microwave Derived Activated Carbon for Removal of Heavy Metal in Aqueous Solution, «Journal of Science and Technology» , 3 (2011), n. 1, pp. 97 -108, [consultato il 17 ottobre 2011].

I CRITERI DI ORDINAMENTO DELLE LISTE BIBLIOGRAFICHE Alfabetico Cronologico Classificato

I CRITERI DI ORDINAMENTO DELLE LISTE BIBLIOGRAFICHE Alfabetico Cronologico Classificato