Presenta Viaggio a Rumuruti 23 gennaio 6 febbraio

  • Slides: 27
Download presentation
Presenta Viaggio a Rumuruti 23 gennaio – 6 febbraio 2016 Sede: Via Statale 83

Presenta Viaggio a Rumuruti 23 gennaio – 6 febbraio 2016 Sede: Via Statale 83 – 41042 Spezzano (Mo)

Rumuruti 2016 • • • Angelo cell. 392 2992757 angelozanti@gmail. com Simona cell. 328

Rumuruti 2016 • • • Angelo cell. 392 2992757 [email protected] com Simona cell. 328 1023731 [email protected] it Vanna cell. 335 6000524 [email protected] it Rossano cell. 329 6360107 rossanda [email protected] com Branka Anita cell. 333 6728059 anita. [email protected] it • sono i volontari che partecipano al viaggio dal 23 Gennaio al 6 Febbraio 2016.

 AFRICA NEL CUORE • “Africa nel cuore” è un’Associazione di volontariato costituitasi con

AFRICA NEL CUORE • “Africa nel cuore” è un’Associazione di volontariato costituitasi con registrazione privata il 4 Marzo 2008, ma operante nel territorio già dal 2000, con Codice Fiscale 93029470361 attribuito il 26 Luglio 2007 e iscritta al Registro di Volontariato delle Associazioni della Provincia di Modena. Opera con l’aiuto di volontari che offrono, gratuitamente, una parte del loro tempo per sostenere lo sforzo delle Missioni che ogni giorno garantiscono cibo e un tetto per tante persone bisognose. • Il Comitato Direttivo attualmente in carica, è formato da: Primo Bonacorsi (Presidente), Castelli Rosanna (Vice-Presidente), Paltrinieri Vanna (Segretaria), Zanti Angelo, Francesco Melandri, Galavotti Emilio, Carmen Nottoglieri, Rosi Antonietta, Simona Manelli, Pecoraro Antonella, Ricchi Franco, Flori Fabrizio, Andreoli Lucia, Venturelli Emanuela, Zini M. Monica, Chichi Santo, Lasagni Antonio. • Area d’intervento: Rumuruti - Kenya

PROGETTI IN ATTO • FONDO STUDENTI , PERMETTE A STUDENTI BISOGNOSI E MERITEVOLI DI

PROGETTI IN ATTO • FONDO STUDENTI , PERMETTE A STUDENTI BISOGNOSI E MERITEVOLI DI COMPLETARE L’ITER SCOLASTICO. • CENTRO SANITARIO DI THOME , APERTO NEL MAGGIO 2011, SVOLGE AZIONE DI CURA E PREVENZIONE. IL CENTRO HA PERSONALE SANITARIO ASSUNTO IL LOCO A CARICO DELL’ASSOCIAZIONE: UN’INFERMIERA SPECIALIZZATA, UN TECNICO DI LABORATORIO, UNA FARMACISTA, UN’INSERVIENTE, UN ADDETTO ALLA MANUTENZIONE, GUARDIE. NELL’AREA ADIBITA ALLE COLTIVAZIONI SONO IMPEGNATI LAVORATORI SALTUARI PER LA CRESCITA AGRICOLA DELLA ZONA. A CARICO DELL’ASSOCIAZIONE SONO ANCHE I FARMACI E TUTTO CIÒ DI QUELLO CHE ABBISOGNA IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO. SELF SUPPORTING: FINE 2016 • MARY MOTHER OF GRACE SECONDARY SCHOOL: RISTRUTTURAZIONE E COSTRUZIONE DI UN DORMITORIO • ADOZIONI A DISTANZA PRESSO LA COMUNITA’ DI RUMURUTI IN SEGUITO ALLA PRESA IN CARICO DI SPES ONLUS

INIZIATIVE/RACCOLTA FONDI • CENE • UN UOVO PER THOME (BANCHETTI CON OFFERTA DI UOVA

INIZIATIVE/RACCOLTA FONDI • CENE • UN UOVO PER THOME (BANCHETTI CON OFFERTA DI UOVA DI CIOCCOLATO) • COMMEDIE DIALETTALI • CONCERTI (NATALE IN OSPEDAEL) • NATALE CON IL CUORE (BANCHETTI CON OFFERTA DI OGGETTISTICA NATALIZIA) • PARTECIPAZIONE A MERCATINI E FIERE • BOMBONIERE SOLIDALI • DONAZIONI

 • • • … Adozione a distanza La scuola in Kenya è obbligatoria,

• • • … Adozione a distanza La scuola in Kenya è obbligatoria, almeno la primaria, ma le strutture sono spesso fatiscenti e sprovviste di materiale. Alle famiglie viene chiesto di accollarsi la spesa per ”uniform”, delle scarpe, dei maestri, l’iscrizione all’esame alla fine dell’ottava classe e del materiale scolastico. Per molte famiglie sono costi proibitivi. L’adozione a distanza permette la copertura delle spese e quindi garantisce la scuola ai bambini. L’adozione non si sostituisce ai genitori, ma li sostiene economicamente per sviluppare la vita dei loro figli, in modo da renderla indipendente e libera attraverso l’istruzione. La cifra annua richiesta per effettuare un’adozione è di 260 Euro (detraibili dalla dichiarazione dei redditi). Con questa cifra si pagano, per conto dello studente, le tasse scolastiche, la divisa, i libri, i quaderni, le matite, il materiale didattico, gli insegnanti, la merenda di metà mattina ed il pasto del mezzogiorno per un intero anno scolastico. Lo scopo preminente dell’adozione a distanza è accompagnare il ragazzo o la ragazza nell’iter scolastico anno dopo anno, fino al termine degli studi. Quindi dipende dall’età dello studente e dalla disponibilità dello sponsor. La scuola in Kenya è così strutturata: Scuola Primaria che si sviluppa in otto anni (scuola elementare e media), prima di essere ammessi alla scuola primaria è necessario frequentare l’asilo (Pre-Unit) indipendentemente dall’età dello studente. Solo in caso eccezionale, cioè, se l’alunno è molto brillante, si può continuare con la scuola secondaria. Dopo questo corso di studi c’è l’università oppure una scuola professionale che lo aiuterà a imparare un mestiere. Per questa tipologia di scuole, la quota di 260 euro non è sufficiente, quindi nei casi particolarmente bisognosi, subentra il «FONDO STUDENTI» A coloro che effettuano l’adozione la Annie, la Segretaria della Missione, invia una lettera con la fotografia ed i dati dello studente ed una sintesi della sua situazione familiare. Al termine dell’anno scolastico (novembre), lo sponsor riceve la pagella, una letterina e gli auguri di Natale. (Questa lettera, solitamente arriva nel corso del mese di Dicembre). A chi rivolgersi per maggiori informazioni? Messori Maria Concetta 0536/843627 - Zanti Angelo 392/2992757 - Paltrinieri Vanna 335/6000524 [email protected] it

Dove andiamo

Dove andiamo

Storia della Missione di Rumuruti • La Missione di Rumuruti, cominciata nel 1991 da

Storia della Missione di Rumuruti • La Missione di Rumuruti, cominciata nel 1991 da Padre Luigi Brambilla e da Padre Antonio Bianchi, si estende per più di 3000 Kmq a un’altitudine tra i 1600 e i 1900 metri sul livello del mare. Su questo territorio vivono più di 40 mila persone: un coercevo di tribù diverse che convivono abbastanza pacificamente. La maggioranza della popolazione sono Kikuyu, per il resto si possono trovare Turkana, Samburu, Kipsigis, Nandi, Tugen. La lingua nazionale è lo swahili (non conosciuta da tutte le diverse etnie) e l’inglese. Dal 1992 a Rumuruti è Parroco Padre Mino Vaccari

I Missionari della Consolata • • • Il Beato Giuseppe Allamano, loro Fondatore risponderebbe

I Missionari della Consolata • • • Il Beato Giuseppe Allamano, loro Fondatore risponderebbe così: 1. Sono una famiglia di persone, sacerdoti e laici, che si impegnano a portare il vangelo nel mondo. Ma anzitutto, non una organizzazione, un Istituto, un Collegio, bensì una famiglia. Le difficoltà che incontra chi si impegna per il vangelo e per l'aiuto dei fratelli nelle situazioni più difficili, di frontiera, richiedono che egli abbia dei fratelli che lo aiutano, lo sostengono, lo incoraggiano. Non bastano dei semplici compagni di lavoro. Ha bisogno di una famiglia che se si ammala o ha qualche necessità lo accoglie e lo cura, fisicamente e spiritualmente. Dice l'Allamano: "uno che lascia la famiglia naturale per dedicarsi alla Missione, deve trovare come un'altra famiglia". A questo criterio si ispira la convivenza, i rapporti interpersonali, la preghiera, la formazione: tutto! 2. Sono dei consacrati: si dedicano alla Missione in modo totale, senza vincoli di sorta, distaccati da tutti, e perciò professano la povertà, la castità e l'obbedienza nello spirito delle beatitudini evangeliche. E lo fanno per tutta la vita, non per un periodo limitato di tempo. 3. Sono proiettati oltre i propri confini territoriali, di paese, nazione, parrocchia, diocesi. Guardano e hanno a cuore il mondo, tutti i popoli. Sono testimoni dell'universalità del cristiano e della Chiesa. Questo "andare oltre" si esprime sempre, in qualunque posto si trovano, perché sono da superare non soltanto le barrire territoriali, ma anche quelle razziali, culturali, sociologiche e pure religiose, nel senso che occorre guardare anche a coloro che attorno a noi sono lontani da Cristo e dalla Chiesa. 4. Hanno Maria, Madre di Gesù, come ispiratrice e Madre. Come Maria, che venerano con il titolo di Consolata, vogliono portare al mondo la vera Consolazione, che è Gesù, il vangelo, e insieme: la vicinanza agli emarginati, il conforto agli afflitti, la cura dei malati, la elevazione umana, la difesa dei diritti umani, la promozione della giustizia e della pace.

Giuseppe Allamano Il beato Giuseppe Allamano, Fondatore dei missionari e delle missionarie della Consolata.

Giuseppe Allamano Il beato Giuseppe Allamano, Fondatore dei missionari e delle missionarie della Consolata. Il 29 gennaio 1901 fonda a Torino l'Istituto dei Missionari della Consolata. Il bollettino del santuario, La Consolata, ne dà l'annuncio con un'espressione sibillina: « Il culto della Consolata non sarà soltanto contemplativo, ma attivo » . Ovvero, con le missioni, il santuario mariano acquisterà una dimensione universale. L'8 maggio 1902 partono per il Kenya i primi quattro missionari, due sacerdoti e due fratelli coadiutori, seguiti, alla fine dello stesso anno, da altri quattro sacerdoti e un laico. Nel 1910 Giuseppe Allamano fonda le Missionarie della Consolata. Muore a Torino il 16 febbraio 1926. La sua salma ora è conservata e venerata nella Casa Madre dei Missionari della Consolata, a Torino. É stato beatificato da Papa Giovanni Paolo II il 7 ottobre 1990 e la sua festa è stata fissata per il 16 Febbraio, giorno del suo ritorno alla Casa del Padre

Alcune informazioni • Capitale: NAIROBI • Popolazione: 41. 800. 000 circa Superficie: 582. 646

Alcune informazioni • Capitale: NAIROBI • Popolazione: 41. 800. 000 circa Superficie: 582. 646 km 2 • Fuso orario: +2 h rispetto all'Italia (da marzo ad ottobre); +1 h quando in Italia vige l'ora legale. • Lingue: inglese, kiswahili; sulla costa è diffuso l’italiano. • Religioni: cristiani (60%), musulmani (10%) animisti/seguaci di religioni tradizionali (28%), altri (2%). • Scellino Keniota: alla data attuale, 1 euro = 110, 53 scellini • Prefisso per l'Italia: 0039 Prefisso dall'Italia: 00254 • Telefonia: nel Paese è diffusa la rete di telefonia cellulare GSM che fornisce servizi di collegamento Internet senza fili anche a tecnologia 3 G. Esistono quattro operatori di telefonia mobile: Safaricom, Airtel, Orange, YU.

Storia del Kenya • L'indipendenza fu ottenuta il 12 dicembre 1963 e le elezioni

Storia del Kenya • L'indipendenza fu ottenuta il 12 dicembre 1963 e le elezioni di quell'anno portarono Jomo Kenyatta, uno dei leader indipendentisti, alla presidenza del paese. Kenyatta promosse una politica moderata e filoccidentale, realizzando importanti riforme economiche e politiche permisero la modernizzazione e l'industrializzazione del paese; inoltre rimase in buoni rapporti con la Gran Bretagna e con le nazioni confinanti. Presidente attuale del Kenya Huru Kenyatta.

Morfologia del Kenya • • Dalla costa bassa e sabbiosa dell'oceano Indiano, il territorio

Morfologia del Kenya • • Dalla costa bassa e sabbiosa dell'oceano Indiano, il territorio del Kenya si avvia procedendo verso l'interno. La geografia del Kenya è alquanto complessa. Il Kenya è un paese dell'Africa Orientale, ed è attraversato dall'equatore. Pur essendo un paese equatoriale, e tropicale, presenta climi molto vari. Nel nord si trovano aree desertiche, e nel centro sud altopiani, con boschi e savane. Il paese è attraversato da lunghe catene di montagne. Complessivamente, l'elemento morfologico che più caratterizza il Kenya è la Rift Valley, che lo attraversa da nord a sud. Le acque interne presentano laghi di acqua dolce e di acqua salata; numerosi sono anche i soffioni boraciferi e i geyser. Pochi invece i fiumi, di cui solo due hanno una portata e una lunghezza degne di nota (il Tana e il Galana). Alla fascia costiera, lunga oltre 400 km, succede una regione di altopiani aridi e stepposi; quello centrale, che si eleva a quote comprese tra i 1500 e i 3000 metri, è diviso dalla frattura della Rift Valley che si sviluppa da nord a sud e che forma il bacino del Lago Turkana (o Rodolfo). Ai lati della Rift Valley si innalzano imponenti massicci vulcanici, il maggiore dei quali è il monte Kenya (5199 m), uno dei monti più alti dell'Africa e il Kilimanjaro (5358 m) al confine con la Tanzania. L'altopiano degrada a ovest, in prossimità del Lago Vittoria, e a nord dove il territorio del Kenya è occupato da un ampio tavolato desertico.

Clima • Il clima del Kenya è equatoriale, ma solo la fascia costiera risente

Clima • Il clima del Kenya è equatoriale, ma solo la fascia costiera risente delle temperature costanti e dell'elevata umidità associata al clima equatoriale. Nell'interno del Kenya il clima varia con il cambiare dell'altitudine, nelle pianure è secco e caldo, mentre negli altopiani il clima è più temperato con notti fresche. La stagione delle piogge va da marzo a maggio e da novembre a dicembre. In generale i mesi più caldi sono febbraio e marzo, mentre i più freddi sono luglio e agosto. • Clima altipiani del Kenya (Rumuruti è su un altopiano a 1800 mt. ): Si tratta della zona centrale e occidentale del paese, gran parte di questa zona si trova tra i 1200 e i 2200 metri di altezza. Il clima di questa regione è caratterizzato da due stagioni delle piogge con una media delle precipitazioni attorno ai 1000 -1300 mm all'anno. La pioggia cade tra aprile e maggio (i mesi più piovosi) e tra novembre e dicembre.

Etnie • La popolazione è suddivisa in più di settanta etnie, appartenenti a quattro

Etnie • La popolazione è suddivisa in più di settanta etnie, appartenenti a quattro famiglie linguistiche: i bantu, i nilotici, i paranilotici e i cusciti. Un tempo il paese era abitato da gruppi stanziati lungo la costa e, nelle regioni interne, dai masai, che oggi vivono soprattutto nelle regioni meridionali. Attualmente l’etnia più numerosa è rappresentata dal gruppo bantu dei kikuyu (21% della popolazione); altri gruppi relativamente numerosi sono i luhya (14%), i kamba (11%), tutti di lingua bantu, i luo (13%), di lingua nilotica, e i kalenjin (11%), paranilotici. Nel paese vivono inoltre esigue minoranze di asiatici, europei e arabi.

Turkana I turkana sono i miglior guerrieri dell’East Africa. Osservando gli ornamenti di una

Turkana I turkana sono i miglior guerrieri dell’East Africa. Osservando gli ornamenti di una donna, si possono conoscere interi capitoli della sua vita. A parte la differenza tra nubili e sposate , c’è tutto un discorso per significare tantissime cose che possono succedere in una famiglia: nascite e lutti, lontananza del marito, figli prossimi a diventare uomini, consacrazione a Dio…Il nome come le origini sono un po’ avvolte nel mistero. Forse Turkana deriva da "Turkwen" uguale uomini delle cave (le tipiche capanne a forma di botte), ma nessuno può confermarlo. Di sicuro il ceppo d'origine era situato nel Dodoth Escarpment nel nord-est dell'Uganda, nell'attuale Karamoja, conservando usi e costumi tipici dei Karimojong. Anche la lingua ha le sue radici nell'intricato sottobosco nilotico, ma il sangue e la cultura li spingono a est verso i Cusciti. Hanno la pelle di un nero lucente e un portamento maestoso e fiero del tutto in contrasto con le loro attuali condizioni. In epoca precoloniale erano ricchi di bestiame e capaci di offrire anche 40 capi come prezzo per una sposa. Oggi invece a causa dei nuovi confini tribali e del progressivo inaridimento del terreno, con piogge irregolari e pascoli che scarseggiano, sono costretti ad una vita più dura e difficile. La maggior parte sono pastori nomadi di bovini capre e cammelli, costretti a spostarsi di continuo alla ricerca di nuovi pascoli e acqua per il bestiame. Frequenti gli scontri con le etnie rivali dei Samburu e dei Pokot. Le capanne costruite dalle donne sono a forma di botte, formate da uno scheletro di rami spinosi che si intrecciano e sono ricoperti da foglie di palma dum. All'interno nel centro arde un piccolo fuoco sempre acceso. Tutt'intorno un recinto di frasche e spine delimita la proprietà. La loro sussistenza si basa principalmente sugli alimenti derivati dal bestiame come la carne, il latte il burro e il sangue; anche se ultimamente qualche tentativo di agricoltura fa capolino con colture di mais, fagioli e zucche.

Samburu sono un gruppo etnico africano nilotico diffuso nel distretto di Samburu, nel Kenya

Samburu sono un gruppo etnico africano nilotico diffuso nel distretto di Samburu, nel Kenya centrosettentrionale. Parlano la lingua samburu, appartenente al gruppo delle lingue maa come quella dei Masai, con cui sono strettamente imparentati (circa il 95% dei vocaboli delle lingue samburu e masai coincidono). Come i Masai, sono pastori seminomadi; allevano zebù, pecore, capre e cammelli; recentemente hanno iniziato a coltivare mais, patate e sorgo. A differenza dei Masai, si nutrono anche di cacciagione. Il nome Samburu è di origine Masai e deriva dalla parola samburr, che indica una borsa di pelle che i Samburu portano sempre con loro. I Samburu si riferiscono a sé stessi come Lokop (o Loikop), che potrebbe significare "padroni della terra" (da lo, che indica possesso, e nkop, terra); non tutti i Samburu concordano su questa interpretazione. Non è chiaro in quale epoca i Samburu siano diventati un'etnia distinta, ma quasi certamente ciò avvenne in epoca coloniale. I viaggiatori europei del XIX secolo chiamavano i Samburu "Burkineji" ("popolo delle capre bianche"), ma non è chiaro quali fossero all'epoca i legami con altri gruppi della zona. Alcuni Samburu sono discendenti dei Masai di Laikipia, che furono sterminati dell'Ottocento. Altri sono di origine Rendille, Turkana e Borana. La struttura sociale, suddivisa per classi di età, appare un eccellente esempio di gerontocrazia anche se il contatto con la cultura occidentale sta sgretolando l'importanza degli anziani. La poligamia è consentita e diffusa presso i Samburu; un insediamento Samburu (detto nkang o engang o manyatta) può consistere di una sola famiglia, costituita da un uomo e dalle sue mogli; ogni moglie costruisce la propria casa con materiali trovati in loco, come bastoni, fango e sterco di mucca. Insediamenti più grandi ospitano in genere fino due-tre famiglie; solo gli insediamenti rituali (lorora) arrivano a dimensioni molto più grandi (20 o più famiglie). I villaggi samburu sorgono in genere sulla cima delle colline. Le donne si decorano il petto con vistose collane fatte di perline colorate cucite sul cuoio (come i Masai) ma anche di peli di coda di elefante; portano braccialetti di rame, ottone o alluminio sulle braccia e sulle caviglie. Particolare rispetto viene attribuito ai fundi, i fabbri professione che in genere viene abbracciata e coltivata da una intera famiglia.

Mzungu

Mzungu

Kikuyu e mzungu La tribù Kikuyu, del gruppo Bantu, è la più numerosa tra

Kikuyu e mzungu La tribù Kikuyu, del gruppo Bantu, è la più numerosa tra le tribù kenyote, prende il nome dal suo fonfatore, un uomo chiamato Gikuyu e scelto, secondo la tradizionale leggenda, direttamente dal Dio Ngai. La popolazione Kikuyu vive, principalmente, nei dintorni del Monte Kenya che chiamano “Montagna di Luce“. Provengono dalla migrazione Bantu di centinaia di anni orsono ed ora si sono sparsi un pò dovunque nel territorio kenyota. Tradizionalmente sono degli agricoltori e allevatori di bestiame; grandi lavoratori, si stanno evolvendo nei più disparati mestieri nei grossi centri urbani, compreso la politica. Le ragazze hanno la responsabilità di prendersi cura dei fratellini o sorelline, oltre che aiutare le madri nelle faccende di casa.

Padre Vaccari e Vice Parroco: Padre Denis

Padre Vaccari e Vice Parroco: Padre Denis

Villaggi della Missione

Villaggi della Missione

Il Centro Pastorale: Il lodge Ingresso centro Salone multiuso Giardino bagnato Interno lavanderia

Il Centro Pastorale: Il lodge Ingresso centro Salone multiuso Giardino bagnato Interno lavanderia

…… continua Preparazione dell’Ughali Camera con armadio

…… continua Preparazione dell’Ughali Camera con armadio

……. continua Cucina Retro e lavanderia

……. continua Cucina Retro e lavanderia

Lake Nakuru • Il lago Nakuru è uno dei laghi della Rift Valley ed

Lake Nakuru • Il lago Nakuru è uno dei laghi della Rift Valley ed è situato nel sud della regione di Nakuru, in Kenya, all'altitudine di 1754 m sopra il livello del mare. Si trova all'interno del Parco nazionale del lago Nakuru

Ol Pejeta • L'Ol Pejeta Conservancy è un'organizzazione non-profit situata a Laikipia contea del

Ol Pejeta • L'Ol Pejeta Conservancy è un'organizzazione non-profit situata a Laikipia contea del Kenya adiacente alla città di Nanyuki. • Ol Pejeta è il più grande santuario dell'Africa orientale, l'unico posto in Kenya per vedere gli scimpanzé e contiene alcune delle più alte densità di predatori in Kenya.

Swahili • • • Habari gani? Come stai? Bene! Mzuri sana! Arrivederci Kwa heri

Swahili • • • Habari gani? Come stai? Bene! Mzuri sana! Arrivederci Kwa heri Grazie Asante Prego karibu Benvenuto Karibuni Ciao Jambo Familia Takatifu … Santa/Sacra Famiglia Ecccccc………