Dipende date un toolkit per sensibilizzare i Giovani

  • Slides: 15
Download presentation
“Dipende da…te!” : un toolkit per sensibilizzare i Giovani al tema delle Dipendenze Alessandro

“Dipende da…te!” : un toolkit per sensibilizzare i Giovani al tema delle Dipendenze Alessandro Meli Croce Rossa Italiana – CL di Torre Pellice (TO) Gruppo di Lavoro per i Giovani sulle Dipendenze Medico Specializzando in Anestesia e Rianimazione

PREMESSA Il fenomeno delle Dipendenze: • è ancora ATTUALE ( in alcuni casi, in

PREMESSA Il fenomeno delle Dipendenze: • è ancora ATTUALE ( in alcuni casi, in aumento. . ) • NON riguarda solo l’abuso di sostanze stupefacenti (es. Gioco d’Azzardo Patologico, Dipendenza da Internet …) • CONDIZIONA INEVITABILMENTE la vita quotidiana e le relazioni dell’individuo e di conseguenza • costituisce un PROBLEMA SOCIALE

Perché la Croce Rossa Italiana? Perché rientra nella Strategia 2020 della Federazione Internazionale della

Perché la Croce Rossa Italiana? Perché rientra nella Strategia 2020 della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa e negli Obiettivi Strategici 2020 I, II e V della Croce Rossa Italiana.

A che punto siamo… “Linee Guida e corso propedeutico alle Attività sulle Dipendenze” (O.

A che punto siamo… “Linee Guida e corso propedeutico alle Attività sulle Dipendenze” (O. P. n. 13 del 31 Dicembre 2013) Informazione / Formazione Rete di Servizi Partecip. Azione Operatori Sociali nelle Dipendenze (n. 2 per Regione)

Toolkit : “Dipende…da te!” OBIETTIVO Fornire degli strumenti chiari, utili e semplici affinché i

Toolkit : “Dipende…da te!” OBIETTIVO Fornire degli strumenti chiari, utili e semplici affinché i Giovani CRI, indipendentemente dalla loro Formazione specifica all'interno e all'esterno IN ULTIMO…. della Croce Rossa, possano sensibilizzare i loro coetanei alla PREVENZIONE dei comportamenti che stanno alla base delle Dipendenze. Rendere i Giovani fruitori del Servizio testimoni In che modo? di uno stile di vita sano e attento, al fine di • portando a consapevolezza Giovani riguardo comportamenti "rompere ili circolo vizioso di disinteresse ae rischio che, magari, essi stessi seguono; privazione, che si trasmette da una generazione • facendo immedesimare in soggettiacon Dipendenze nelle persone che all’altra ie. Giovani che impedisce molte personee di stanno loro attorno, in modo da comprendere le difficoltà sociali che stanno attorno beneficiare delle opportunità di migliorare le al fenomeno; loro condizioni di salute e di raggiungere il loro • sensibilizzando ad un corretto utilizzo di Internet e dei Social Networks; pieno potenziale umano“ • portando esempi positivi dell’utilizzo di piattaforme sociali virtuali; Strategia 2020 , FICR • promuovere l’importanza dei luoghi fisici di aggregazione e delle amicizie e relazioni basate sull’incontro e la socializzazione reale e non virtuale.

METODOLOGIA Di cosa si tratta? Una serie di proposte di ATTIVITA’ NB: i fruitori

METODOLOGIA Di cosa si tratta? Una serie di proposte di ATTIVITA’ NB: i fruitori del servizio non devono rimanere Passivi: è fondamentale coinvolgerli in Progetti futuri ideati insieme a loro Target Giovani adolescenti a partire dagli 11 anni (rif. scuole medie e superiori) e ai giovani adulti. NB Fascia d’età a rischio!! Pre-requisiti NESSUNO !! E' sufficiente essere Volontari C. R. I. ed avere l'autorizzazione da parte del Presidente di Comitato territorialmente competente, tramite il coordinamento operativo del Delegato Area 5 (suggerire al Delegato Area 5 di coinvolgere anche il Delegato Area 2). Per la fattibilità delle attività si consiglia di costituire un Gruppo di Lavoro di almeno 3 -4 unità.

STRUTTURA del toolkit (1) Abbiamo immaginato 3 contesti, individuando altrettanti moduli: • MODULO 1:

STRUTTURA del toolkit (1) Abbiamo immaginato 3 contesti, individuando altrettanti moduli: • MODULO 1: SCUOLA. Incontri formativi all'interno delle scuole medie e superiori. Per la buona riuscita delle attività si consiglia di effettuare un minimo di 4 -6 ore suddivise in 2 -3 incontri a distanza, se possibile, di non più di una settimana l’uno dall’altro. • MODULO 2: CONTATTO VELOCE presso luoghi pubblici quali piazze, cinema, parchi ecc. . • MODULO 3: EVENTI AD HOC organizzati allo scopo di approfondire e sensibilizzare alla tematica delle Dipendenze. Le modalità possono essere differenti (ad es. Convegni, Assemblee di Istituto, Iniziative di Mobilitazione Sociale) e realizzate anche in collaborazione con Professionisti, Associazioni, Istituzioni, Scuole, Università ecc. . ;

STRUTTURA del toolkit (2) Per ogni modulo abbiamo impostato una logica secondo STEP: •

STRUTTURA del toolkit (2) Per ogni modulo abbiamo impostato una logica secondo STEP: • 1° STEP - INFORMATIVO in cui si introduce l’argomento delle Dipendenze, illustrandone la gravità e i motivi per cui occorre prevenirle; Esempi: è utile per catturare l’attenzione degli utenti (Modulo “contatto veloce”) • Presentazione dell’Associazione…. • 2° STEP - ATTIVITA’ : un percorso strutturato che ha come • Attivitàla“spot” per catturare l’attenzione neie luoghi di ritrovo. . finalità contestualizzazione del fenomeno l’immedesimazione • Brainstorming…. del soggetto, requisiti fondamentali per poter suscitare una spinta contestualizzare l’argomento. . a • Diapositive cambiare loper status quo; • 3° STEP - PARTECIPAZIONE il FULCRO del percorso, in cui Test autovalutativo: “quanto seièdipendente”…. ragazze ragazzi dadel semplici “fruitori” del • Video “Ie veggenti Terzo Millennio” …. Progetto si trasformano in “attori” che si impegnano in prima persona per arginare il fenomeno delle Dipendenze e prevenirlo.

STRUTTURA del toolkit (2) Per ogni modulo abbiamo impostato una logica secondo STEP: •

STRUTTURA del toolkit (2) Per ogni modulo abbiamo impostato una logica secondo STEP: • 1° STEP - INFORMATIVO in cui si introduce l’argomento delle Dipendenze, illustrandone la gravità e i motivi per cui occorre prevenirle; Esempi: è utile per catturare l’attenzione degli utenti (Modulo “contatto veloce”) • “Quizzettone”… • 2° STEP - ATTIVITA’ : un percorso strutturato che ha come • Role Playing… finalità la contestualizzazione del fenomeno e l’immedesimazione • Caccia al tesoro. . del soggetto, requisiti fondamentali per poter suscitare una spinta Free…lo status quo; a • Wi. Fi cambiare • 3° STEP - PARTECIPAZIONE è il FULCRO del percorso, in cui ragazze e ragazzi da semplici “fruitori” del Progetto si trasformano in “attori” che si impegnano in prima persona per arginare il fenomeno delle Dipendenze e prevenirlo.

STRUTTURA del toolkit (2) Per ogni modulo abbiamo impostato una logica secondo STEP: •

STRUTTURA del toolkit (2) Per ogni modulo abbiamo impostato una logica secondo STEP: • 1° STEP - INFORMATIVO in cui si introduce l’argomento delle Dipendenze, illustrandone la gravità e i motivi per cui occorre prevenirle; Esempi: è utile per catturare l’attenzione degli utenti (Modulo “contatto veloce”) • Piattaforme di mobilitazione sociale (flash mob, video virali, • ecc). . 2° STEP - ATTIVITA’ : un percorso strutturato che ha come finalità la contestualizzazione del fenomeno e l’immedesimazione • Progettazione condivisa di eventi. . per poter suscitare una spinta del soggetto, requisiti fondamentali rotonde. . a • Convegni. . Tavole cambiare lo status quo; Concerti… • • 3° STEP - PARTECIPAZIONE è il FULCRO del percorso, in cui ragazze e ragazzi da semplici “fruitori” del Progetto si trasformano in “attori” che si impegnano in prima persona per arginare il fenomeno delle Dipendenze e prevenirlo.

CONTENUTI TRASVERSALI üCompendio teorico sulle Dipendenze üSuggerimenti sulla gestione d’aula üMemorandum su tempistiche e

CONTENUTI TRASVERSALI üCompendio teorico sulle Dipendenze üSuggerimenti sulla gestione d’aula üMemorandum su tempistiche e materiale necessario per le attività üCheck-list per la realizzazione di Eventi üGlossario

E ADESSO ? üDiffusione del toolkit sul territorio üRafforzamento della rete interna ed esterna

E ADESSO ? üDiffusione del toolkit sul territorio üRafforzamento della rete interna ed esterna üApplicabilità del toolkit üFeedback

Domande?

Domande?

Un sentito ringraziamento a. . Martina Vertuccio Mauro Cacciola Salvatore Coppola

Un sentito ringraziamento a. . Martina Vertuccio Mauro Cacciola Salvatore Coppola

Grazie per l’attenzione, Alessandro Meli Croce Rossa Italiana – CL di Torre Pellice (TO)

Grazie per l’attenzione, Alessandro Meli Croce Rossa Italiana – CL di Torre Pellice (TO) Gruppo di Lavoro per i Giovani sulle Dipendenze [email protected] it Al. meli. [email protected] com Non ci sono risposte, ma - nel migliore dei casi qualche ipotesi che vale la pena di tentare. " Tom Peter (1942), studioso di management e saggista americano.